Sonia nel paese di… Matilde. Ovvero: intervista a Sonia Figone

Data: 11 aprile 2011

intervista a Sonia Figone

Forse vi ricordate di lei per i suoi fantastici fagottini, vero? O apprezzate ancora di più le sue ricette e le foto davvero belle che propone sul suo blog?

Noi non siamo riusciti a resistere e l’abbiamo contattata per farle qualche domanda sulla sua passione per la cucina, per chiederle qualche consiglio, anche fotografico… proprio come avevamo fatto qualche tempo fa con Francesco, vi ricordate?
Ormai possiamo dire che è un’amica di MatildeTiramiSu (e ce ne vantiamo)!

Benvenuta su Matildetiramisu, Sonia! Come va la vita nel tuo blog?

Ciao e grazie per l’invito! Sai qual è la parte più bella di avere un blog? Che si conoscono persone eccezionali, che magari vivono dall’altra parte dell’Italia e che non avresti conosciuto in altro modo. Si instaurano rapporti di amicizia con persone che vedi anche solo due volte l’anno, ma che comunque senti vicine.

Domanda amletica: sei online perché ti piace la cucina o ti piace la cucina perché sei online? In altre parole, ci puoi dire come combini cucina e internet?

Direi che sono presente con il blog e principalmente con la fotografia, mio grandissimo primo amore.

Un solo grande amore, il tuo blog, o la tua energia basta anche per tumblr, twitter e magari altri blog?

In effetti sono su più social network (colpa anche del lavoro) e curo più di un blog. Però mi piace e questa è la cosa più importante. Ci sono domeniche in cui non apro nessun tipo di social network e va bene così, l’importante è trovare il proprio equilibrio. Per ora però mi diverto moltissimo.

Per te il web è anche lavoro, o solo passione?

Entrambe sicuramente. È il mio lavoro per 8 ore al giorno, ma prosegue la sera e il weekend per passione.

Come hai scoperto Matildetiramisu?

Su Twitter ho riconosciuto l’immagine del profilo e sono andata a curiosare sul blog. Anche perché il Vicenzovo e le Millefoglie entrano in casa mia (e pure al ristorante, dove il savoiardo è protagonista del superlativo tiramisù dello zio) da sempre.

Ci piacerebbe conoscere la tua ricetta preferita (e se è un dolce, tanto meglio!).

Muffin e Millefoglie con crema chantilly. I muffin accompagnano spessissimo il momento della colazione, mentre la millefoglie è la torta ufficiale del mio compleanno. Viene destinata solo al compleanno perché ne sono talmente golosa che finisce in un attimo. Veramente!

C’è qualche blog dedicato ai dolci che conosci e ci consigli?

Sicuramente Bakerella, le sue ricette sono sempre divertentissime, un mito i suoi cake pops.
Poi direi Fanny col suo stile un po’ romantico, Baking Obsession e anche Helene, adoro letteralmente le sue fotografie.

Sul tuo blog abbiamo notato vari post dedicati alle cucine estere: curiosità o fonte di ispirazione?

Tanta curiosità! Amo viaggiare all’estero e la cucina del luogo è sempre il primo argomento su cui mi informo. Sulla Lonely Planet il capitolo sul cibo è sempre quello con più annotazioni. 🙂

Prima di un viaggio cucino qualcosa per prepararmi ai sapori che troverò sul territorio, ad esempio per Budapest avevo preparato la Torta Dobos, salvo scoprire, come ogni volta, che sul posto è sempre molto meglio (se passate di lì non mancate il Cafè-Pasticceria Gerbeaud).

Infine, abbiamo notato molta attenzione e cura – oltre che nella preparazione dei piatti – anche nella loro presentazione, in foto e video. Qualche consiglio per chi legge “Matilde”?

Sicuramente la luce. Se non avete un flash cercate sempre di scattare con la luce naturale, vicino ad una finestra magari con delle tende bianche che diffondano ulteriormente la luce.

Se vi è possibile, scattate sempre in verticale perché la lettura è semplificata, vedi per esempio le riviste di cucina.

E poi la composizione: vale sempre la regola di “less is more”, se non siete sicuri del risultato utilizzate pochi elementi importanti. Troppi oggetti, se inseriti in maniera confusa distolgono l’attenzione dal piatto, che poi è il cuore della nostra fotografia.

Ultimo consiglio osservate sempre! Riviste, libri, blog, mostre e tutto quello che ci circonda è enorme fonte di ispirazione per le nostre immagini.

A presto 🙂

Che dire…

Grazie mille a Sonia, anche per tutti i suggerimenti, e non perdetevi il suo blog bello e buono Nel paese delle stoviglie, ma soprattutto le sue notevoli foto!

Ancora non vi basta? Allora seguitela anche attraverso il suo account di Twitter e sulla sua pagina delle ricette qui su MatildeTiramiSu!

Commenti

2 commenti su “Sonia nel paese di… Matilde. Ovvero: intervista a Sonia Figone”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *