I confetti alle cerimonie: piccole curiosità e tradizioni

Data: 15 maggio 2012

Regalare i confetti è un gesto semplice, ma ricco di significati non sempre noti.

Invece, vale la la pena di sapere che:

– la simbologia del confetto rappresenta la vita, con il sapore agrodolce della mandorla, unita alla speranza di un’unione dolce, rappresentata dalla copertura di zucchero

– il confetto accompagna tutti i lieti eventi della vita: dal battesimo ai vari anniversari, passando per cresima, comunione, lauree, matrimoni

– tradizione vuole che i confetti nella bomboniera siano cinque, a simboleggiare salute, ricchezza, felicità, fertilità, longevità

– da un po’ di tempo sono disponibili confetti personalizzabili, su cui iscrivere le iniziali o i nomi degli sposi

– il confetto è un dolce tipico italiano, ma la città abruzzese di Sulmona vanta una tradizione secolare, accuratamente custodita e valorizzata (forse ricorderete che fecero recapitare una confezione speciale di confetti anche ai principi inglesi William e Kate, in occasione del loro matrimonio)

– l’origine del confetto non è chiara, una delle possibilità è che sia il frutto dell’inventiva di un medico arabo, che ricopriva di zucchero le medicine più amare, per i bambini

– la parola “confetti” in molte lingue descrive quelli che per noi sono i coriandoli in carta

– in fatto di matrimoni, il confetto bianco è riservato al primo (per le seconde nozze i confetti devono essere gialli) e all’anniversario delle nozze di diamante, cioè sessant’anni

Il tema vi appassiona? Desiderate approfondire?

Eccovi una tappa “golosa” per un week-end all’insegna della tradizione dolciaria: il Museo del Confetto di Andria, dove si occupano di confetti da oltre un secolo, in un ambiente che è stato riconosciuto come locale storico d’Italia. Bellezza e bontà: cosa c’è di meglio?

Commenti

2 commenti su “I confetti alle cerimonie: piccole curiosità e tradizioni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *