Decorare la tavola con i fiori: le 7 semplici regole di Matilde

Data: 19 aprile 2012

A chi non piace decorare la tavola con i colori e la magica atmosfera di un fiore?

Per non parlare dei messaggi che un fiore può dare

Anche nella decorazione, però, è importante sapere bene ciò che si fa per non incorrere in piccoli-grandi errori… perciò, eccovi la mia guida!

1 – Le persone vengono prima dei fiori

Disponete le vostre decorazioni in modo che non diano fastidio al contatto visivo tra commensali: un fiore deve sempre aiutare, mai ostacolare (e se qualcuno prenderà il vaso per metterlo su un mobile adiacente al tavolo, saprete come regolarvi alla prossima cena!)

2 – Attente agli abbinamenti

Colori, stili e forme… sia del fiore sia degli accessori della tavola: cercate sempre di creare armonia tra la tovaglia, le porcellane, stoviglie, bicchieri.
L’armonia può essere data da un colore comune, o da un gioco di contrasti, l’importante è che.. la mano che sceglie i fiori non ignori la mano che prepara la tavola!

3 Fiori in proporzione alla tavola

Non lasciatevi prendere dall’entusiasmo, pensate sempre alla vostra tavola prima di decidere quanti fiori: un mazzetto davanti a ogni commensale potrà essere una scelta gradevole, ma non per una coppia, ad esempio…
Un mazzo molto corposo è inadatto a un tavolo piccolo, mentre sarà quasi necessario nel caso la tavolata sia rotonda e generosa. Ancora: per un tavolo di forma allungata valutate un singolo fiore in un piccolo vaso, ripetuto più volte su tutta la lunghezza.

4 – Fiori alti se il soffitto è alto, bassi se l’ambiente è raccolto

Sembra impossibile, eppure sarà capitato anche a voi di cenare in una romantica mansardina con un enorme mazzo di calle sulla tavola… così la stanza è già piena prima ancora che entrino gli invitati!

5 – Fiori e Frutta: un bel connubio

Le sfumature e gli abbinamenti di colore che offrono questa accoppiata sono impareggiabili… generazioni di grandi pittori ce lo insegnano!
La disposizione classica, molto indicata per le tavole in esterno, prevede un contenitore in vetro dove trovano ospitalità i frutti di stagione ben lavati, possibilmente accompagnati dai scenografici frutti di bosco, e magari anche da qualche decorativa foglia di pesca o albicocca.
Verificate che il centrotavola sia a posto da ogni punto di vista, e completate con fiori a corolla grande, che adagerete sopra la frutta.
Potete anche decorare la base del centrotavola con fiori intorno alla sua base, sulla tovaglia.

6 – E una candela?

Ricordate che – anche di giorno – una candelina accesa aggiunge un tocco di festosa intimità, rendendo più luminosa l’atmosfera in tavola.
Naturalmente l’abbinamento con il fiore va fatto sulla base dei colori e della… sicurezza (attenzione, è pur sempre una fiamma).
Vietatissime in tavola le candele profumate, che possono disturbare gli aromi dei piatti.

7 – La fantasia è sempre benaccetta

Sarà un fiore dentro una teiera?
O una serie di coppe rovesciate che custodiscono un fiore sotto vetro e reggono una candela colorata, come quella dell’immagine di apertura, tratta da Seven Nashville?
Qual è la vostra idea più originale?

Commenti

2 commenti su “Decorare la tavola con i fiori: le 7 semplici regole di Matilde”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *