Quando il centrotavola non è un centrotavola

Data: 29 aprile 2015

CentrotavolaCare amiche,

a tutte noi sta a cuore la bella tavola, apparecchiata come si deve per poter accogliere i nostri ospiti nel modo migliore, e tutte noi dedichiamo sempre la giusta attenzione a… cosa mettere al centro della tavola.

Naturalmente, la scelta più classica sono i fiori di stagione – e vi dirò subito che per me è sempre una delle opzioni migliori, anche perché anche i fiori stessi possono essere presentati in modi non convenzionali, come ad esempio adagiati singolarmente nell’acqua di un bicchiere.

Però non sempre si possono avere i fiori, e poi c’è anche la voglia di cambiare, non è vero?

Vi capisco: io stessa amo cercare di inventare sempre qualcosa per rendere la tavola non solo bella ma anche interessante.

Ecco quindi qualche idea che mi sento di condividere con voi:

  • Al centro della tavola, una cosa che si mangerà insieme a fine pasto

Naturalmente deve essere qualcosa di adeguato, ma avere davanti agli occhi il “premio finale” di cui tutti insieme godremo per dessert… a me non dispiace per nulla!

  • Al centro della tavola, un oggetto di cui parlare durante il convivio

Qui lascio spazio alla vostra fantasia, ma vi dico solo che può essere molto simpatico e divertente proporre un tema di conversazione attraverso una piccola provocazione: un personaggio, un simbolo, un ricordo: scegliete voi il modo con cui accendere l’interesse dei vostri commensaliCentrotavola con foto, dal blog di Matilde Vicenzi

  • Al centro della tavola, delle foto care a tutti gli invitati

In caso di riunioni di famiglia, o di vecchi amici, provate a sorprendere gli invitati lasciando tra i piatti qualche foto ricordo, meglio se di qualche anno fa: vedrete come farà piacere a tutti ricordare giornate e momenti trascorsi insieme!

  • Al centro della tavola, un effetto di luce

Di certo non abbiamo nelle nostre case coreografi o tecnici delle luci in grado di produrre effetti teatrali, ma un raggio di sole che illumina il centro della nostra tavola forse riusciamo a catturarlo…

O preferite l’atmosfera di una candela?

  • Al centro della tavola, un discorso

Questo non è un centrotavola vero e proprio, ma un’idea da mettere al centro… dell’incontro: può essere emozionante – se le circostanze lo permettono – dedicare il centro simbolico del ritrovo a un breve discorso di qualcuno: sarà di certo il momento centrale che tutti ricorderanno, specie se inatteso

E voi, care amiche, cosa metterete al centro della vostra tavola, alla prossima occasione conviviale?

Aspetto le vostre idee!

Apparecchiare la tavola: cosa mettere al centrotavola? Dal blog di Matilde Vicenzi

Commenti

Un commento su “Quando il centrotavola non è un centrotavola”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *