Millefoglie d’Italia – Storia (e qualche segreto) di una sfoglia di qualità

Una sfoglia buona è qualcosa di eccezionale… di generazione in generazione, nella mia famiglia si è sempre tramandata questa convinzione.

E’ anche per questo che mio nipote Giuseppe Vicenzi si impegnò a fondo per raggiungere una qualità superiore, esattamente come ha sempre – testardamente – fatto con tutti i prodotti, ma… questa storia è più speciale delle altre.

Negli anni ’70 molti apprezzavano già gli Amaretti d’Italia e i Savoiardi Vicenzovo prodotti dalla nostra pasticceria.

Giuseppe iniziò quindi a interessarsi alle sfogliatine, ma nessuna di quelle che trovava in commercio era per lui sufficientemente buona.

Il burro, ingrediente delle MIllefoglie di Matilde VicenziE presto ne scoprì il motivo: per poter preparare industrialmente la sfoglia, i produttori non impiegavano l’ingrediente migliore, quello prescritto dalla tradizione, cioè il burro, bensì la margarina, nettamente meno costosa e più lavorabile dalle macchine.

Dovete sapere che il burro era – ed è tuttora – uno dei segreti della sfoglia di qualità, in quanto si scioglie in bocca con il tepore del palato,  conferendo al sapore una speciale fragranza, più persistente e gratificante.

Giuseppe, in quel periodo di sperimentazioni e ricerche, diceva sempre:

“Il burro, ci vuole il burro, altrimenti, con la margarina, ti ritrovi con quel senso di “cera  in bocca”…”

Questa ricerca della qualità assoluta incontrò, a un certo punto, uno scoglio pratico: gli impianti di produzione disponibili in Italia, che non erano in grado di produrre sfoglia nel rispetto della tradizione pasticcera, ovvero con il burro.

Ma non è mai stato facile fermare Giuseppe Vicenzi, quando ha un’idea in testa…

E infatti, anche quella volta, l’ebbe vinta lui: cercò e cercò, finché individuò un impianto all’avanguardia, in grado di lavorare il burro.

Piccolo dettaglio: il macchinario in questione era disponibile… in Giappone!

Sfogliatine di Matilde VicenziMa se pensate che questo fosse un impedimento, vi sbagliate: per la qualità delle sue sfoglie, Giuseppe si recò in Giappone, e quel viaggio segnò la nascita delle sfogliatine di Pasticceria Matilde Vicenzi; chiamate Millefoglie d’Italia per sottolineare come i loro ingredienti nobili provengano dalla tradizione pasticcera italiana.

Ed ora che vi ho raccontato la storia della nascita delle Millefoglie d’Italia, è il momento di svelare qualche ulteriore “segreto” della loro bontà.

Immaginate una sfoglia composta di tre strati:

sfoglia
un velo di burro
ancora sfoglia

…ora ripiegateli altre 6 volte, e cosa ottenete?
Ve lo dico io: ottenete  una sfoglia di ben 192 strati!

Forse ora vi è più comprensibile la ragione di quell’armonia di sapori che sprigionano immediatamente le Millefoglie d’Italia, non appena le assaggiate?

Millefoglie d'Italia Matilde Vicenzi

Non vorrei apparire presuntuosa, ma io credo che Giuseppe abbia creato una vera e propria opera d’arte pasticcera, caratterizzata da una friabilità senza paragoni, con il burro ad arricchirne il delicato sapore.

Matilde Vicenzi: Millefoglie d'ItaliaSolo la ricetta artigianale con il burro consente questi livelli di qualità, come appunto dicevamo.

L’uso di questo raffinato ingrediente, però presuppone un’attenzione in più.

Già, perché il burro non è solo più nobile della margarina, usata spesso nelle sfogliatine comuni, è anche più delicato e non ama la luce.

Ed ecco svelato un secondo piccolo segreto della bontà delle Millefoglie d’Italia: lo speciale involucro protettivo, che ripara dalla luce l’alta – e delicata – qualità di questi dolci, così apparentemente semplici, e così cari a tutte noi.

Matilde Vicenzi

Commenti

19 commenti su “Millefoglie d’Italia – Storia (e qualche segreto) di una sfoglia di qualità”

  1. Pingback: Dalle Millefoglie di Matilde Vicenzi nascono i Bocconcini al Cioccolato : la giornata si arricchisce di un nuovo momento di dolcezza . - MatildeTiramiSu!
    1. Good morning and thank you for your comment!
      You can find Matilde Vicenzi Italian Fine Pastry at the Eataly store in New York City (200 Fifth Avenue).
      Enjoy!
      Matilde

  2. The “Bocconcini” is the best pastry I have ever eaten. I love it!
    Hopefully our alimentari in Berlin will always have it in store.

    1. I am so happy you like them, dear Anna! I’ll keep my fingers crossed for you to always be able to find them, then!
      – Matilde Vicenzi

  3. Ieri ho acquistato una confezione di “millefoglie” , cosi’ come feci tante volte in passato, ed ho notato che tra gli ingredienti e’ compreso l’olio di palma che, come ormai tutti sanno, non e’ proprio benefico per la salute umana ( in primo luogo per i bambini ). Per consentirmi di continuare a prendere questo prodotto, cosi’ come altri di Vs. produzione, Vi chiedo di escludere totalmente l’olio di palma dalle Vs. linee di produzione. Ringrazio della attenzione che vorrete riservare a questo mio suggerimento ed attendo di ricevere, a tempo debito, un auspicabile Vs. cenno di assenso. Cordiali Saluti. Giuseppe Rossi.

    1. Gentile Giuseppe,
      grazie innanzitutto per la tua attenzione e per avermi contattato.
      Permettimi di chiarire la posizione di Vicenzi SpA in merito all’utilizzo dell’olio di palma nei propri prodotti.
      Ti informo prima di tutto che la nostra Azienda ha investito molte risorse in innovazione e riformulazione dei prodotti. Tuttavia l’olio di palma si è dimostrato insostituibile in virtù di alcune sue caratteristiche: sapore neutro; elevata resistenza all’irrancidimento; adeguata consistenza a temperatura ambiente senza ricorrere a processi di idrogenazione.
      Vicenzi SpA è inoltre membro certificato RSPO (Roundtable on Sustainable Palm Oil), organizzazione internazionale che promuove, a livello etico ed ambientale, l’utilizzo di olio di palma sostenibile.
      Riassumo in sintesi gli impegni che Vicenzi SpA prende per il 2015:
      • utilizzo di solo olio di palma certificato RSPO (opzione Mass Balance);
      • sostituzione dell’olio di palma, ove tecnologicamente possibile;
      • incoraggiamento dei fornitori a sposare le cause dell’RSPO e/o ad
      impegnarsi nella ricerca di soluzioni alternative.
      Mi auguro di averti risposto in modo esauriente e ti auguro una buona giornata. A presto!
      Matilde Vicenzi

    1. Caro Ivan, se mi dici quale prodotto nello specifico ti interessa e mi fai sapere in che zona abiti ti indicherò con prcisione dove trovare i miei pasticcini!

        1. Caro Ivan, puoi trovare le mie Ciambelle con gocce di cioccolato presso i punti vendita Iper di Brembate, Gigante di Bottanuco, Auchan di Curno, Auchan di Bergamo.
          Un dolce saluto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *