La sfoglia di qualità ha il suo perché. Anzi 192

Data: 19 giugno 2012

Care amiche,

ho già avuto modo di raccontarvi l’affascinante storia che portò mio nipote Giuseppe in Giappone per trovare il modo di realizzare le Millefoglie d’Italia con il burro, secondo la ricetta artigianale.

Riuscite a immaginare quanti strati ha una Millefoglie d’Italia?

Vi dò un suggerimento. Partite dai primi tre strati composti da sfoglia, un velo di burro e ancora sfoglia, ripiegateli altre 6 volte e otterrete … ben 192 strati! Ecco quanti sono gli strati delle Millefoglie d’Italia!

E’ quest’opera d’arte pasticcera che conferisce alle Millefoglie la loro friabilità, ed è il burro che ne arricchisce il delicato sapore.

Ricordo infatti che il burro nella preparazione della sfoglia, a differenza della margarina, permette un piccolo miracolo di gusto: si scioglie in bocca, con il tepore del palato. Ecco la bontà unica consentita dalla ricetta artigianale con il burro!

Per usare questo ingrediente, c’è però un piccolo prezzo da pagare.

Già, perché il burro – oltre che più nobile della margarina frequentemente usata per le sfogliatine comuni – è anche più delicato e non ama la luce.

E’ questo il motivo per cui le Millefoglie d’Italia sono oggi “vestite”, con una nuova confezione che le protegge dalla luce e non vanifica tutto l’impegno di mio nipote Giuseppe nel produrle.

Non a caso, il suo motto è sempre stato questo:

 Fare il pasticcere non è un mestiere, è un’arte.

E voi, vi cimentate mai nella preparazione della sfoglia? Fatemi sapere, ci tengo!

Commenti

30 commenti su “La sfoglia di qualità ha il suo perché. Anzi 192”

  1. Solo qualche volta purtroppo perchè la lavorazione è molto molto laboriosa… Più facile acquistarla fresca o già cotta per ricette sprint…”Matilde Vicenzi” ovviamente! 😉

  2. no confesso la sfoglia non l’ho mai fatta ma un giorno ci proverò comunque le millefoglie di matilde de vincenzi sono buonissime

  3. Ci provo ma è molto difficile e proprio non mi riesce. Così l’acquisto pronta e mi impegno nel degustarla, specialmente ora che sono in attesa del mio primo bimbo e mi viene spesso voglia di qualcosa di buono!

  4. sfoglia mai fatta, prendo quella già pronta che veramente è difficile da fare e lascio fare a chi ne è più capace, quelle di matilde vicenzi sono veramente buone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *