E all'estero? Il galateo del turista a tavola

Care amiche, l’estate è ormai alle porte e con lei anche le meritate vacanze, non vedo l’ora! Se siete delle esperte viaggiatrici avrete già sperimentato diverse abitudini conviviali dei vari paesi del mondo. Altrimenti mi permetto di farvi un piccolo riassunto!

Europa
Uscendo dai confini italiani, teniamo presente che in Francia non è buona educazione dividere il conto alla fine di un pasto. In Spagna poi, se siete invitati a pranzo sappiate che non andrete a mangiare prima delle 15, mentre alla sera l’appuntamento non sarà prima delle 22.30/23. In Portogallo, a fine cena, i camerieri si aspetteranno una piccola mancia, attorno al 10% del totale del conto.

Asia
Se visitate soprattutto l’Estremo Oriente, e paesi come Cina e Giappone, la puntualità è d’obbligo. Se invece vi sposterete verso l’India tenete a mente di mangiare con la mano destra, poiché la sinistra è sinonimo di sporcizia; inoltre, noterete come nessuno si permetta di rubare tempo al pasto, mangiando troppo velocemente.

Sud America
Contrariamente a ciò che accade nei paesi asiatici, lo stile di vita in Brasile o Argentina somiglia molto a quello spagnolo. I tempi per i pasti si protraggono a lungo, ed arrivare almeno mezz’ora dopo ad un appuntamento è la norma.

photo-1454212107427-fa9b655ad8b0Nord America
Non fatevi sorprendere, care amiche, dalle abitudini culinarie statunitensi. Non è raro che l’orario della cena sia anticipato verso le 17.30/18, e che un piatto a base di carne sia accompagnato da un bicchiere di latte, o di succo d’arancia.

Qualunque sia la vostra meta, mie care, vi auguro che riusciate a cogliere la bellezza delle differenze che caratterizzano tutti i popoli, e a portare con voi, magari, qualche piccolo spunto per dare un tocco internazionale alle vostre pause tè pomeridiane.