Cucinare con i fiori : due ricette da provare e un libro

Data: 05 luglio 2012

Man mano che mi appassiono al tema della “Cucina con i fiori” (sarà l’estate?), scopro sempre più ricette, e non riesco a non proprovele a mia volta.

Oggi vi presento tre proposte: due ricette e un libro.

Melone ai petali di rosa.

1. Procurarsi due piccoli meloni, tagliarli a meta’, eliminare i semi, svuotarli delicatamente
2. Tagliare a piccoli dadini la polpa e metterli in una terrina
3. Preparare una salsina con 3 cucchiai di miele, il succo di mezzo limone, un bicchiere di Porto o di Vin Santo, due cucchiaini di acqua di rose
4. Versare questa salsa sulla polpa di melone e riporre in frigorifero la terrina per un paio d’ore
5. Riempire ora i mezzi meloni svuotati con la loro polpa aromatizzata, decorare con una bella manciata di petali di rosa canina, esporli delicatamente su un vassoio e servire. Si possono aggiungere palline di gelato.

Tra le letture in argomento, vi ho già parlato del libro dello chef Bongiovanni, oggi è il momento di un altro volume, questa volta scritto da una signora:

Cucinare con i fiori – 200 ricette per squisiti piatti naturali e diversi, di Lidia Origlia (Xenia Editore).

La presentazione del libro, sul sito dell’editore, mi è piaciuta molto.

Inquadra infatti nel modo giusto l'”approccio floreale” alla cucina nell’ambito di alcune tradizione culinarie esotiche:

“Fiori di azalea, d’arancio, di castagno, di caprifoglio, di melograno e melo, insieme a rose, gelsomini, nasturzi e loto imbandirano le nostre tavole con facili ricette della tradizione cinese, giapponese, coreana e indiana: un’alternativa appetitosa all’alimentazione quotidiana, nel rispetto della natura”.

Ed ora, passiamo alla terza proposta, la ricetta di confettura, a base di pesche e fiori di lavanda.

Confettura profumata alla lavanda.

  1. Preparate le pesche e lasciatele macerare
  2. Mettete la casseruola sul fuoco, aggiungete un cucchiaio di fiori freschi di lavanda
  3. Cuocete la confettura per circa 1 ora e mezza, mescolando spesso

E se preferite un aroma diverso, sostituite la lavanda con dei fiori di rosmarino.

Aspetto di conoscere il vostro parere, sia sul libro sia su questa dolce specialità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *