Come comportarsi in barca?

Care amiche, come vanno le vacanze? Siete già andate? Dovete ancora partire? Io ho avuto una splendida occasione e la colgo al volo. Una mia amica, per ricambiare tutti i pomeriggi e i brunch a casa mia, mi ha proposto di raggiungerla nella sua casa al mare per fare una gita in barca. Dopo aver titubato un po’ ho deciso: perché no?

Non ho intenzione di fermarmi più a lungo di un weekend però. Un ospite cortese deve sapere quando andar via, anche se il padrone di casa insiste perché rimanga.

shutterstock_141987736

Ho messo giusto lo stretto indispensabile in valigia, per due motivi: il primo è che la mia amica, anch’essa esperta dell’arte del ricevere, mi ha già informato di aver liberato dello spazio nell’armadio e di avere lenzuola, cuscini e asciugamani per me; inoltre, per la gita in barca, non dovrò presentarmi con un bagaglio troppo pesante, in quanto lo spazio sarà molto ristretto e per una buona convivenza sarà bene essere più discreti possibile e rispettare la privacy. A bordo è giusto rendersi disponibili ad aiutare nelle faccende indispensabili per far funzionare la traversata, sempre senza strafare. Dovremo attenerci solo a ciò che dirà il Capitano.

Siete mai state in barca voi, care amiche? Sono certa che sarà un weekend indimenticabile, e per sdebitarmi con la mia amica per il delizioso invito sto già pensando a dove posso portarla a cena. Conoscete qualche ottimo ristorante di pesce?

Un bacio a tutte voi!