Come cambia la tavola dopo l’estate: colori e sapori d’autunno

Data: 21 settembre 2012

Le giornate dell’estate, con il loro inconfondibile sapore, vanno via via ritirandosi nel ricordo e quella finestra, che amavamo lasciar aperta per gustare l’aria fresca della sera… ora è socchiusa.

E’ l’autunno, care amiche, e come tutte le stagioni dell’anno ci porta novità e rinnovamento, anche sulle nostre tavole.

I colori

Come sempre, è la natura a guidare il gusto, i colori che ci propone l’ambiente in questi mesi sfumano dal rossiccio al giallo delle foglie secche, al marrone/arancio dei frutti di stagione quali castagne, noci, mandorle, ma anche  cachi e zucca. In tutto questo, il viola dell’uva si accompagna benissimo.

Così sarà la “palette” della nostra tavola, quindi, con un orientamento ai colori caldi, quelli che volentieri aiutano l’atmosfera a scaldarsi, mentre ci si prepara all’arrivo del freddo invernale.

Le decorazioni

Foglie secche – vere o riprodotte – qualche ramo di salice essiccato, la melagrana, magari un portacandela in ferro battuto, e i motivi naturali giocano con i colori, ocra e ruggine, oltre a quelli già citati.

I sapori

I dolci dell’autunno sono quelli derivati – ancora una volta – da ciò che offre la natura, quindi avanti con la marmellata di castagne, le torte di mele e di pere, la torta di pere e cannella, quelle con il cioccolato, la crostata di mandorle e arancia, ciambelle alle noci, la gelatina d’uva…

E se volete una bella panoramica di immagini sul tema, vi invito senz’altro a visitare la mia bacheca Pinterest, dedicata appunto alla “Tavola d’autunno”.

Fatemi sapere le vostre idee e impressioni, a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *