Arte del ricevere e figli degli amici – 5 regolette più una

Data: 14 maggio 2014

Come ricevere gli ospiti e i loro figli, di Matilde VicenziCare amiche,

gli ospiti delle nostre belle tavole non sono sempre gli stessi… nel tempo si formano amicizie, coppie e famiglie, come tutte sappiamo.

Capita quindi che alle tavolate si aggiungano piccoli ospiti, i quali meritano naturalmente un trattamento di riguardo.

Le attenzioni speciali create dalla presenza di piccoli ospiti riguardano tutti: la padrona di casa, che deve poter gestire con efficienza ciò che serve per la tavola, i genitori dei piccoli interessati, che devono essere messi in condizione di godersi qualche ora in pace, infine il bimbo o la bimba, che deve trovare piacere nello stare insieme.

Se a dirlo sembra facile… a farlo non lo è per niente!

Però – se date retta alla vostra Matilde – scoprirete che non è nemmeno impossibile.

Ecco le semplici regolette che ho appreso con il tempo:

1 – Preparatevi prima, chiedendo ai genitori cosa preferiscono i bimbi, per esempio se amano stare su una tavola con gli amichetti o si siedono volentieri con i grandi, se c’è un piatto che preferiscono (o detestano), quali sono le loro abitudini a casa, se hanno piacere di portare un gioco…

2 – Fate in modo che i piccoli non siano soli, ma che sia presente qualcuno all’incirca della stessa età; se non è possibile, considerate che a volte le ragazzine si divertono a prendersi cura di bimbi più piccoli

3 – Sistemate i piccoli su una tavola a parte: loro si divertiranno e voi mangerete più rilassati

4 – Un po’ di disciplina non guasta, ma… non rovinate loro la giornata imponendo regole troppo rigide; vale anche per il menu, che sia semplice, possibilmente di un piatto solo: una volta mangiato sarà concesso loro di alzarsi per andare a giocare (semmai li richiamerete per il dolce)

5 – Siate pronte con qualche intrattenimento per il dopo-pasto; un giardino senza pericoli e riparato dalla strada è l’ideale, l’intrattenimento in casa è più difficile (il disegno è sempre una risorsa!)… comunque sia, cercate sempre di ricavare loro uno spazio separato, loro si sentiranno più liberi e voi non sarete disturbati

E soprattutto…

Sapersi occupare dei piccoli è anche una delicatezza nei confronti dei grandi.

Fa quindi parte dell’arte del ricevere gli adulti il sapersi occupare dei loro figli.

Ricordate che se i bimbi sono tranquilli, i genitori sono felici, e vi saranno  riconoscenti di qualche ora di relax insieme.

Torneranno sempre a farvi visita volentieri, consapevoli che anche i loro figli troveranno le giuste attenzioni!Ricevere gli ospiti, e anche i loro figli, di Matilde Vicenzi

Vi invito, come sempre, a raccontarmi la vostra esperienza in materia: c’è qualche consiglio che potete darmi, sull’arte del ricevere i ragazzi e bambini dei nostri ospiti?

Voi come vi comportate?

Nel frattempo, un saluto e a presto dalla vostra Matilde, care amiche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *