Arte del ricevere – ma gli anziani?

Data: 27 maggio 2015

Mie care,

quando ci prepariamo per un evento conviviale, è sempre buona regola fare mente locale sui nostri ospiti. Ad esempio, spesso ci si scorda del fattore età degli invitati.

Certo, ci si fa caso se c’è la nonnina ultracentenaria – che spesso è al centro della festa – ma gli ospiti anziani sono anche altri, e a loro vanno riservate attenzioni particolari.

D’accordo quindi l’Arte del ricevere … ma gli anziani ?

Provo a fare un piccolo promemoria, sempre per la regoletta che l’Arte del ricevere è semplicemente l’Arte di far sentire bene i propri ospiti!Arte del ricevere e anziani

1 – Prepariamoci prima

E’ semplice, basta pensarci: una telefonata al parente o all’amica può essere sufficiente per informarsi se la persona in questione abbia esigenze speciali in tema di alimentazione e comfort personale

2 – Quando arrivano, discrezione

Gli aspetti legati all’età anziana hanno frequentemente lati critici, che è bene non sbandierare.

L’ospite apprezzerà la vostra discrezione nel chiedere di cosa hanno bisogno, sia in relazione ai piatti che arrivano in tavola, sia in generale.

3 – Una volta a tavola

Dove facciamo sedere la nonna o il nonno?

Anche qui, un po’ di sensibilità non guasta, organizziamo un vicino di tavola che possa far piacere… e magari si ricordi di alzare un po’ la voce durante la conversazione, se necessario.

E non dimentichiamo la seduta: gli arredi in voga oggi, spesso minimali, mal si adattano alle schiene dei nostri cari anziani, prevediamo sempre uno o due cuscini a portata di mano!

4 – Il menu

Ogni padrona di casa cerca di preparare il meglio delle ricette che conosce, ma in certi casi occorre forse adeguare il menu ad eventuali esigenze particolari.

In questo modo non ci si trova nella situazione di dover portare in tavola portate diverse a commensali diversi, perché magari scopriamo che qualcosa non è gradito al nostro ospite “silver”… e ci tocca improvvisare qualcos’altro.

5 – Quando arriva il dolce

Si sa, gli anziani sono spesso golosi, e di certo non è piacevole negare loro una seconda fetta di torta… e quindi?

Quindi cerchiamo di preparare una specialità dolce adeguata a eventuali diete, così la gioia di gustare il dessert sarà condivisa liberamente da tutti.

E la torta?TiramiSu di Matilde Vicenzi

Se dobbiamo far contenti nonni e nonne, certamente al cucchiaio, e senza troppe elaborazioni… un buon TiramiSu fatto con le vostre mani è senz’altro un’ottima scelta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *