Arte del ricevere al contrario – cose da non fare mai

Data: 28 gennaio 2015

La bella tavola, nel blog di Matilde VicenziCare amiche,

l’arte del ricevere – o del far sentire gli ospiti a casa propria, come amo interpretarla io – è un argomento su cui non sempre si è d’accordo.

E lo credo: non tutti siamo fatti allo stesso modo, e nel trattare gli ospiti non si può certo far riferimento a leggi matematiche, dove non si discute…

Però ci sono delle cose sulle quali siamo tutte d’accordo: quelle che proprio non vanno fatte mai.

Oggi mi divertirò a ricordarle, e magari qualcuna di voi allungherà la mia lista, attingendo a qualche gaffe vissuta od osservata in prima persona!

1 – Mai guardare il telefonino mentre si parla con una persona, nemmeno se arriva una notifica; se proprio è importante, alzarsi da tavola ed appartarsi adducendo una scusa qualunque

2 – Mai presentarsi insieme a qualcuno di non invitato; in casi veramente eccezionali (il fratello arrivato improvvisamente dall’America…) contattare prima telefonicamente la padrona di casa e spiegare la situazione a voce
Arte del Ricevere (Blog MatildeTiramiSu di Matilde Vicenzi)

3 – Mai annunciare la propria partecipazione e poi non arrivare; i modi di avvisare oggigiorno certo non mancano!

4 – Mai prendere iniziative autonome sull’organizzazione dell’evento conviviale, cambiare i posti a tavola, intervenire in cucina, interferire con l’impiattamento… se e solo se siete in grandissima confidenza con la padrona di casa potrete pensaare di farlo

5 – Mai presentarsi con un omaggio “culinario” che entri nel menu in modo importante: un dolce, una bottiglia di vino, una picola specialità è sempre gradita, non così quando il dono costituisce (o vorrebbe costituire) una pietanza principale

Questi sono i miei “peccati mortali”!

Poi vi sono tanti altri peccatucci che personalmente sono più disposta a perdonare, anche se alcune mie amiche più severe non saranno d’accordo.

Avete presente…

chi permette ai figli di alzarsi da tavola senza prima chiedere il permesso a chi ha cucinato…

Come ricevere gli ospiti e i loro figli, di Matilde Vicenzi…chi si rivolge a ospiti che non conosce senza essere presentato (certo, la padrona di casa deve essere solerte nel fare le presentazioni)…

…chi si prende il bis di una portata prima che tutte ne abbiamo avuto una prima porzione…

…chi si presenta a cena senza aver prima comunicato che non può (o non vuole) mangiare determinati piatti…

…chi telefona a metà del pranzo o della cena per informare che non potrà essere presente (dopo che magari i presenti hanno atteso mezz’ora per cominciare a mangiare)…

…chi scambia la tavola per un social network e inizia ad armeggiare con smartphone e tablet, magari fotografando e pubblicando i piatti…

…chi si sposta dal proprio posto a tavola e prosegue a mangiare, confondendo piatti, stoviglie, commensali…
L'arte del ricevere, dal blog di Matilde Vicenzi

…chi prende la bottiglia del vino o dell’acqua e ne versa solo a se stesso…

…chi risponde alle telefonate come se fosse solo, senza nemmeno alzarsi da tavola…

…chi si presenta con il cagnolino, senza aver avvisato prima…

…chi trascorre l’intero pranzo (o cena) parlando con una sola persona, escludendo qualunque altra conversazione e persona…

E voi, amiche mie, quali cose non sopportate, quando si tratta di amici e parenti, invitati e commensali, arte del ricevere e del… comportarsi bene?

Sono curiosissima di sentire le vostre esperienze ed opinioni in merito: a presto!

[Foto tratte dalle bacheche Pinterest di Matilde Vicenzi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *