L’omaggio floreale dell’ospite tra arte del ricevere e bella tavola

Data: 24 giugno 2015

arte-del-ricevere-fiori-ospiteCare amiche,

in questo post parliamo di un momento che tutte noi abbiamo vissuto: quando l’ospite si presenta con un mazzo di fiori, una pianta, un omaggio floreale.

E’ un gesto classico, elegante e semplice, tradizionale ma sempre attuale. La domanda è: cosa fare dopo?

Naturalmente non mi riferisco a consigli di tipo floreale, ma a qualche suggerimento che possa trasformare il gesto gentile di un ospite in:

– un tocco di colore nella stanza o a centrotavola

– un momento di emozione

– un decoro permanente 

1 – I fiori dell’ospite possono portare un tocco di colore nella stanza o sulla tavola

In generale, è bello valorizzare i doni degli ospiti, sempre nel modo opportuno (attenti a non “mettere in ombra” o in imbarazzo altre persone, che possono aver portato o meno altri omaggi)

Se il mazzo di fiori o la pianta si intonano bene alla stanza, vale la pena di spendere qualche minuto nel sistemare l’omaggio bene in vista, godibile da tutti… se poi vi piace l’idea di sistemarlo direttamente a tavola, meglio ancora

Naturalmente in questo caso sono da considerare le proporzioni: mai ostruire la visuale di chi è seduto a tavola: tutti devono sempre vedere gli altri commensali

Valutate anche il tono di colore, se le tonalità scelte per la tavola si intonano con quelle dei fiori… beh, allora è proprio il centrotavola che aspettavate!

2 – L’omaggio floreale può diventare un momento di emozione
Centrotavola con fiori: i consigli di Matilde Vicenzi

A volte i fiori per la festa vengono consegnati insieme a un biglietto di accompagnamento.

Fate in modo di leggerlo con discrezione, se poi ritenete che il messaggio sia beneaugurante per tutto il convivio, chiedete un attimo di attenzione e leggetelo a voce alta, chiudendo con un ringraziamento alla persona

Una sola attenzione: se poi ricevete  un secondo omaggio floreale, ricordatevi di riservare a chi ve lo porge lo stesso trattamento!  

3 – Un decoro per la casa che rimane a lungo

I fiori sono belli sempre: finché sono freschi ma anche – in molti casi, ad esempio con le rose, le margherite e le mimose – essiccati

Non dimenticatevi di questo aspetto, che può prolungare la vita del dono ed anche la presenza di colei o colui che ha avuto il pensiero gentile

I fiori essiccati si prestano a molti usi: come composizione  per il centratavola, in sacchetti profumanti per l’armadio (rosa e lavanda specialmente) per fare ghirlande o quadretti decorativi…

E voi, mie care, come amate comportarvi quando qualcuno entra in casa con un bel mazzo di fiori, o una rigogliosa pianta?

Aspetto come sempre i vostri commenti e suggerimenti. A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *